Gianpietro Sacchi @POLI_design on air per #ArchitectLAB

cover_poli-design_dsfordesign-intervista

Professionista affermato con oltre 30 anni di carriera alle spalle e punto di riferimento del panorama milanese e italiano per la formazione qualificata post lauream: il Direttore dei corsi Design Alta Formazione Gianpietro Sacchi* fa il punto con noi su passato-presente e futuro della formazione per i progettisti e ci svela i segreti del successo dei suoi corsi.

***

Come riassumeresti in 140 caratteri l’attività di Design Alta Formazione nell’ambito di  POLI.design-Consorzio del Politecnico di Milano?  Raccontaci brevemente i tratti distintivi dei vostri corsi.

“Specializzazione, internazionalità, pratica, interattività, sinergie, innovazione, digitale e relazione.”

Da oltre un decennio progetto e seguo personalmente lo sviluppo dei corsi specializzanti di Design Alta Formazione con i quali abbiamo formato circa 2500 professionisti, generando continue opportunità di crescita e di business.
Ho sempre cercato di cogliere e integrare nei programmi dei singoli corsi gli aspetti più attuali in ambito di progettazione, per fornire ai nostri corsisti solo il meglio.

I corsi di Design Alta Formazione si rivolgono a professionisti, progettisti e operatori del settore, italiani e stranieri, che desiderano aggiornarsi con metodi pratici e interattivi nelle aule di POLI.design, acquisendo skills immediatamente spendibili nella professione, e partecipando ai numerosi tour formativi che organizziamo nelle principali aziende partner a livello internazionale e nelle location selezionate – hotel, ristoranti, centri benessere, negozi – per testare di persona i risvolti pratici di ciò che insegniamo. Per esempio durante il corso di Wellness Design includiamo abitualmente una visita guidata a QC Terme Milano con serata alle terme annessa. E questa è solo una delle numerose attività, non solo prettamente didattiche, che rendono i nostri corsi un hub di esperienze e contatti: puntiamo a formare professionisti completi sfruttando il networking come driver di crescita professionale.

Gianpietro Sacchi Design Alta Formazione
Gianpietro Sacchi Direttore dei corsi post lauream Design Alta Formazione* @ POLI.design – Consorzio del Politecnico di Milano. Già docente a contratto della Facoltà del Design del Politecnico di Milano. Progettista e consulente opera sia in Italia che all’estero ed è stato Presidente dell’AIPi – Associazione Italiana Progettisti d’Interni. Autore di numerosi articoli, relatore a convegni di settore e membro di giurie internazionali di design.

I settori di riferimento per i nostri corsi di punta sono quelli a più alto margine di crescita sul mercato, ovvero Hospitality, Retail, Food e Wellness.
Abbiamo creato e consolidato negli anni un corpo docente composto dai alcuni tra i migliori professionisti per ogni settore, affinando un programma didattico che si distingue per unicità, completezza ed efficacia. Insieme a Alberto Zanetta, Coordinatore didattico dei Corsi di Design Alta Formazione, ai docenti e alle aziende da noi selezionate, seguo i partecipanti passo dopo passo durante tutto il percorso di formazione e di approfondimento dei nuovi linguaggi progettuali.
I concetti e le tecniche acquisite vengono misurati tramite un’esercitazione progettuale su location reali ed è proprio qui che l’eterogeneità dei gruppi di lavoro che riusciamo a creare nei nostri corsi ha la sua massima espressione e porta a risultati in alcuni casi davvero molto interessanti.
Inoltre di recente abbiamo introdotto una psicoanalista nei team di lavoro: un nuovo modo di approcciare il progetto che stiamo sperimentando con ottimi risultati.

Oggi posso affermare con piacere che con molti dei partecipanti delle passate edizioni si è creato un rapporto che va al di là del rapporto docente-corsista, che dura negli anni e basato su stima reciproca e perché no… a volte anche di collaborazioni professionali!

corsi-design-alta-formazione
La giornata di presentazione dei progetti dei gruppi nello showroom di un’importante azienda partner a Milano.

Come Direttore didattico dei corsi di Design Alta Formazione* hai quotidianamente l’opportunità di entrare in contatto con i player dei settori Hospitality e Wellness. Dal tuo “osservatorio” puoi dirci cosa è cambiato nel modo di affrontare il progetto di ambienti dall’inizio dell’attività? E per le aziende?

Col tempo e con l’evolversi dello scenario progettuale sono variate anche le dinamiche all’interno di questi due settori: soprattutto è cambiato il modo di rapportarsi tra progettista e committente.
Il metodo progettuale che cerchiamo di trasmettere ai partecipanti dei nostri corsi si basa su un’attenta interpretazione dei nuovi bisogni del cliente o client/human-centric approach, sull’analisi del contesto generale dove si dovrà operare con un’attenzione particolare ai nuovi trend in atto.
Rispetto ad un decennio fa, oggi gli strumenti disponibili per effettuare lo studio preliminare completo sono vari e questo sicuramente aiuta a “centrare” maggiormente l’intervento.

L’aumento della sensibilità al progetto “taylor made” è un altro chiaro trend che osservo, meno standardizzazione soprattutto nelle private spa e nelle room spa degli alberghi.
Le aziende sono diventate interlocutori sempre più attenti alle richieste dei progettisti e offrono soluzioni con un elevatissimo livello di personalizzazione. Sono state in grado di “adattarsi” al cambiamento in atto.

A tuo avviso qual è l’impatto della digital storm in questi settori? E quanto è importante saper comunicare per il progettista?

L’impatto del digitale nella progettazione rappresenta oggi un aspetto che ogni progettista dovrebbe seriamente, e consapevolmente, tenere in considerazione.
Sono sempre più numerosi i professionisti che, come me, sostengono che la comunicazione della professione e del progetto, e la comunicazione digitale in particolar modo, rappresentano un asset strategico per l’attività del progettista e dello studio.
Anche il miglior progetto infatti, se non adeguatamente comunicato, di fatto è come se non esistesse… . E’ fondamentale quindi predisporre materiale iconografico fin dalle prime fasi del lavoro dalla desk analysis al cantiere, documentando tutto, fino al risultato finale. Il materiale che raccogliamo rappresenta una risorsa preziosissima non solo per arricchire il nostro portfolio, ma anche per comunicare il nostro lavoro, per raccontarci al nostro pubblico.

lezione-dsfordesign-per-design-alta-formazione
Momenti di lezione @ POLI.design per i Corsi Design Alta Formazione.

Consapevoli dell’importanza che ogni professionista impari a comunicare il proprio brand con gli strumenti digitali disponibili oltre che con quelli tradizionali, all’interno dei nostri corsi Design Alta Formazione abbiamo inserito un modulo su questa tematica, a cura dei colleghi di DSforDESIGN. Questa collaborazione si è rivelata fondamentale per i partecipanti, che vengono guidati in un percorso pratico di avvicinamento ai social network, strumenti molto utili da comprendere e da inserire all’interno della macro-strategia di comunicazione del professionista o dello studio.
A riprova della concretezza dei contenuti erogati da DSforDESIGN, anche il cluster dei corsi che dirigo si avvale della loro collaborazione come media partner per la comunicazione e i risultati sono tangibili.

design-alta-formazio-e-dsfordesign-2
Da sinistra: Paola Pozzoli, Gianpietro Sacchi, Elisa Pascotto, Marco De Allegri e Alberto Zanetta.

Quali novità per il programma dei corsi Design Alta Formazione 2017?

La novità assoluta, sarà la partecipazione con il Corso di Hotel Design Solutions a HOSThinking – 10 designer per 100 prodotti che si svolgerà nell’ambito della ­fiera HOST 2017, la manifestazione più importante del settore HO.RE.CA. in programma a FieraMilano (Rho) dal 20 al 24 ottobre 2017. Un design contest che renderà ancora più immersivo e concreto il ruolo dei partecipanti che desidereranno aderirvi, proiettandoli in maniera interattiva in una live design session dove potranno essere parte di una squadra di creativi, capitanati da 10 team leader .

Infine vogliamo regalare una “chicca” ai nostri lettori… Hai qualche indirizzo da suggerire, (senza fare nomi di progettisti!), dove si può rimanere davvero stupiti dell’ambiente realizzato?

Senza voler essere campanilista ad ogni costo, penso che Milano offra una vasta gamma di realizzazioni interessanti: concept store, hotel, show-room, ristoranti, SPA. Sono certo che anche i più esperti ed esigenti potrebbero trovare assolutamente unica ON HOUSE MILANO, una meravigliosa “location-casa” iper-tecnologiaca sita nel cuore della città. Un trionfo di domotica, non solo in campo residenziale, ma anche applicabile al contract alberghiero, al retail e al wellness con sistema di gestione di ultimissima generazione.

on-house-milano-dsfordesign

 

SCOPRI IL CALENDARIO DEI CORSI @POLI.DESIGN – #DESIGNALTAFORMAZIONE 2017 >>>
Solo per progettisti splendidamente visionari e concreti

*Direttore dei corsi di Wellness Design, HO.RE.CA. Design, Temporary Shop & Retail Design, Leisure Lounge & Restaurant Design e Hotel Design Solutions @ POLI.design

 

ubrica_Blog_DSforDESIGNVai alla homepage dsfordesign.it | #DSforDESIGN